Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa.







Il Fascicolo Sanitario Elettronico, secondo la normativa, è l'insieme dei dati e documenti digitali sanitari di un cittadino, generati da eventi clinici originati da diversi organismi sanitari operanti nell'ambito regionale (es. ricovero ospedaliero, specialistica ambulatoriale, prestazioni farmaceutiche, assistenza residenziale, assistenza domiciliare, accessi al pronto soccorso, etc.). 

In Veneto il Fascicolo rappresenta la rielaborazione dei processi sociosanitari, che grazie alla condivisione dei dati clinici e amministrativi degli assistiti tra gli operatori, indipendentemente dalla struttura sanitaria di accesso, permette al cittadino di usufruire di servizi più efficaci, efficienti ed economicamente sostenibili, accedendo ai propri dati da qualunque luogo e in qualsiasi momento.

Il progetto FSEr garantirà in modo efficace l'accesso digitale universale e tempestivo ai propri dati da parte di tutti i cittadini veneti, eliminando il digital divide nell'accesso ai servizi sanitari; fornirà inoltre al paziente e alle strutture sociosanitarie un'informazione digitale completa, evitando ritardi e asimmetrie informative e assicurando l'erogazione di prestazioni sociosanitarie appropriate ed efficaci, indipendentemente dalla struttura di accesso.

Arsenàl.IT (come da DGR n.1671 del 2012) è soggetto individuato allo svolgimento di attività di coordinamento tecnico, amministrativo e gestionale, in grado di garantire la progettazione e l'attuazione dei requisiti di uniformazione e standardizzazione informativo-informatica in tutte le 23 aziende sanitarie e ospedaliere pubbliche del Veneto.

Il modello di FSEr veneto garantisce la condivisione dei dati clinici fra le aziende nell'ottica di migliorare il processo di cura su base regionale. L'innovazione del modello sta nella concreta condivisione del percorso con gli operatori. Questo in una logica bottom-up che punta a rendere il fascicolo uno strumento di lavoro che risponde efficacemente alle richieste degli operatori. I vantaggi dello strumento, una volta messo a regime, deriveranno dal recupero di risorse per rendere sostenibile l'assistenza del futuro. Ciò si concretizzerà nella possibilità offerta al cittadino di accedere in maniera sicura ai propri dati, grazie all'introduzione di nuovi modelli organizzativi che garantiranno l'avvio di innovativi percorsi di continuità di cura, con vantaggi a livello di efficienza e risparmio.

Vai alla pagina del Ministero della Salute che parla del FSE.