- Back

07.2013 - FSEr: avviata la sperimentazione di dematerializzazione della ricetta rossa della RSF Farmacie

E' iniziata nel mese di luglio la sperimentazione di dematerializzazione della ricetta rossa che coinvolge l'Azienda ULSS 1 Belluno e ULSS 9 Treviso. Si tratta della prima fase della ricerca sanitaria finalizzata regionale "Prescrizione farmaceutica elettronica e fascicolo sanitario farmaceutico" che dopo i due mesi di sperimentazione prevede la definizione di un modello da proporre per l'estensione su base regionale. E' da premettere che l'esperienza del fascicolo farmaceutico e della fase sperimentale della dematerializzazione della prescrizione, in linea con le specifiche tecniche dei progetti DOGE e Veneto ESCAPE, rappresentano parte integrante del Fascicolo Sanitario Elettronico regionale.

Nel primo bimestre la sperimentazione riguarda i territori dell'ulss trevigiana e di quella bellunese con la collaborazione di circa 15 farmacie e 25 medici di medicina generale. Nei due mesi iniziali le ricette rosse vengono dematerializzate in base alle specifiche previste nel Decreto Ministeriale del 2 novembre 2011, ossia nella ricetta viene aggiunto un codice di autenticazione che successivamente potrà essere stampato su un promemoria, eliminando di fatto la ricetta rossa. Come detto, una volta messo a punto, il modello verrà proposto per l'estensione in tutte le ulss del Veneto, coinvolgendo le oltre 1.300 farmacie che costituiscono la rete regionale dei servizi farmaceutici. L'obiettivo è quello di raggiungere la soglia ministeriale fissata a livello nazionale dal decreto sull'Agenda Digitale nella dematerializzazione del 60% delle ricette rosse, traguardo da raggiungere entro il 31 dicembre 2013.

Per il momento per l'utente del servizio sanitario non cambierà nulla: continuerà a ricevere dal proprio medico di medicina generale la ricetta rossa con stampato il nuovo codice, che presenterà al farmacista per l'erogazione del farmaco. In una fase successiva la ricetta rossa lascerà il posto al codice che potrà essere stampato come semplice promemoria. L'utente si recherà poi in farmacia dove il farmacista, con l'ausilio del codice fiscale del cittadino, potrà recuperare la prescrizione e mettere a disposizione il farmaco prescritto dal medico.