- Back

11.2013 - I pazienti veneti in telemonitoraggio protagonisti di RENEWING HEALTH

I 3.332 pazienti veneti seguiti da telemonitoraggio sono stati i veri protagonisti dell'evento dello scorso 7 novembre dedicato alla presentazione dei primi risultati del progetto europeo RENEWING HEALTH. A dimostrarlo l'attenzione con la quale il folto pubblico di addetti ai lavori presente al convegno ha assistito alla presentazione del video che sintetizza nelle testimonianze di quattro pazienti e dei loro famigliari. Un video che dimostra come la telemedicina davvero rappresenti una frontiera di miglioramento dei servizi a tutto vantaggio dei percorsi di cura e, quindi, della qualità di vita dei pazienti. L'evento promosso dalla Regione è stato aperto dall'intervento dell'assessore regionale Luca Coletto, che ha confermato l'importanza per il Veneto dei servizi di telemedicina, soprattutto nel supporto ai pazienti cronici, in particolar modo gli over 65.  

La giornata è stata suddivisa in due parti. La prima è stata dedicata alla valenza europea del RENEWING HEALTH, che ha rappresentato un'esperienza di condivisione e di creazione di un network di regioni impegnate nello scambio di buone prassi nel campo del telemonitoraggio di pazienti cronici. La seconda parte ha visto alla ribalta i vari cluster leaders, i coordinatori dei gruppi di studio che hanno presentato i risultati parziali dello studio che si concluderà nella primavera 2014 dopo aver raccolto ed elaborato oltre 20 milioni di dati.  Dai dati definitivi emersi dal gruppo dei 213 pazienti affetti da scompenso cardiaco (patologia che colpisce 61.000 cittadini veneti pari all'1,24% della popolazione regionale) il progetto dimostra che grazie a sistemi di telemonitoraggio nell'arco di un anno è possibile diminuire del 35% il numero di ricoveri e del 13% la loro durata, del 19% gli accessi al pronto soccorso e del 42% il ricorso a visite specialistiche. La conferma della positività dei dati emerge dalle interviste ai pazienti che affermano che il telemonitoraggio ha permesso loro di usufruire di un servizio che migliora la loro vita e quella delle persone che li assistono, diminuendo i loro stati di ansia grazie ad un supporto qualificato e quotidiano.